elettori tra due fuochi

Sabato l’Afghanistan va alle urne in un clima incandescente: attentati ai candidati, l’ultimo ieri al vice di Karzai, e minacce alla popolazione civile da parte di Talebani e sostenitori del presidente uscente.
Il rischio di brogli è altissimo ma la scadenza elettorale sarà rispettata, malgrado le perplessità di candidati e osservatori … l’intervista a Monica Losciale, redattrice di
WarNews
A cura di amissg

Per il popolo afghano queste elezioni sono un dilemma. Ormai disabituati all’esercizio del diritto di voto, gli elettori afghani sono stretti tra due fuochi: i Talebani promettono la morte per chiunque si rechi alle urne e i sotenitori di Karzai lanciano via radio messaggi intimidatori indirizzati a quanti pensino di non votare il presidente uscente. Inoltre, la campagna elettorale è ridotta ai minimi termini per i continui attentati ai candidati, l’ultimo ieri al candidato alla vicepresidenza, Ahmad Zia Massud.
Nel clima arroventato del pre-voto, sono in molti a ritenere quanto meno inopportuna la scelta di andare alle urne sabato prossimo, ma intorno alle elezioni afgane ruotano troppi interessi … l’intervista a Monica Losciale, redattrice di WarNews

Top