Ripartono le carovane anti mafia

Riparte, oggi, da Milano la Carovana antimafia, edizione 2004. La manifestazione, organizzata da Libera, Arci, Avviso Pubblico in collaborazione con i sindacati Cgil, Cisl e Uil, avrà il compito di reclamizzare, attraversando tulle le regioni d’Italia, il diritto alla legalità e alla pace.
Il senso dell’iniziativa e una riflessione sulle nuove mafie nelle parole di Alfio Foti, presidente Arci Sicilia e coordinatore nazionale della Carovana.

A cura di amismp/am

Scarica il percorso e il programma della carovana dal sito di Libera

La Carovana non avrà come obiettivo solo le regioni italiane, ma si propone di passare anche per alcune città francesi, tra le quali anche la Corsica. Lo scopo della manifestazione sta tutto nelle parole di Don Luigi Ciotti, presidente nazionale di Libera. “Ci rimettiamo in viaggio per la legalità democratica e la giustizia sociale?, spiega Don Ciotti, riferendosi soprattutto ai giovani che sono la speranza, il futuro su cui puntare. E proprio su questo tema, grazie alla legge 109/96 promossa da Libera, nel sud d?Italia, i giovani delle cooperative lavorano i terreni confiscati ai boss, producono olio, vino e pasta; poi, sempre in base alla legge, le case confiscate ai mafiosi vengono trasformate in centri per disabili o per anziani, in scuole che realizzano progetti di educazione alla legalità.
La Carovana si concluderà in Sicilia il 19 Dicembre.

Top