Argentina:Impresa statunitense attacca comunità Guaranì.

E’ di oggi la notizia dell’agenzia di stampa “Adital” di duri scontri denunciati dalla piccola comunità di El Tabacal, nella provincia settentrionale di Salta, attuati dall’équipe di sicurezza di una impresa statunitense dello zucchero. L’azienda impedirebbe loro di accedere in un territorio di 5000 ettari che i Guaranì rivendicano da tempo di loro proprietà.
A cura di amislt Dalla denuncia risulta che i responsabili privati della sicurezza del gruppo nordamericano avrebbero abbattuto tutti i ponti e farebbero ricorso anche a terrapieni e ad ogni altro espediente per isolare le diverse comunità indigene,impedendo loro ogni contatto. Secondo la denuncia dei Guaranì,sarebbero sempre più frequenti gli scontri diretti fra le due parti; il mese scorso,le guardie private avrebbero attaccato e colpito con bastoni e machete gli abitanti della comunità Tupì Guaranì El Algarrobal, nella regione di Rio Blanco,municipio di Oràn, come testimoniato sul sito indymedia.
In quell’occasione gli indigeni sarebbero stati ricoverati con contusioni e ferite, mentre i capi delle tribù denunciano che la loro gente vive ormai sotto la costante minaccia e controllo opprimente degli uomini assoldati della società statunitense. Messo a parte della denuncia, il segretario del governo di Salta, Raùl Romeo Medina, ha cercato di minimizzare, sostenendo che nella provincia non ci sarebbe nessuna situazione d’emergenza per l’integrità fisica nè probabilità di violenze.

Top