Sudan: le reazioni alle sanzioni internazionali

Ieri, l?Unione Europea ? per voce di Ben Bot, ministro degli Esteri dell?Olanda, presidente di turno ? ha ipotizzato una serie di “sanzioni imminenti” contro il Sudan nel caso in cui il governo islamico non rispetterà i propri impegni. Il Consiglio degli Affari generali e relazioni esterne di Bruxelles ha anche approvato un testo, nel quale si chiede al Consiglio di sicurezza dell’Onu di adottare una risoluzione nel caso in cui il governo islamico di Khartoum non faccia nulla per facilitare le milizie Janja, i predoni di originale islamica che saccheggiano e distruggono i villaggi del Sudan occidentale.
L’analisi di Massimo Zaurrini della redazione di Misna.
durata: 6′
A cura di amismp

Da Addis Abeba, in Etiopia, sede dell?Unione Africna (Ua), arriva la notizia che l?ex leader militare nigeriano Abdulsalam Abubakar è stato nominato inviato speciale per il Sudan e il Ciad, su decisione del presidente di turno dell?Ua, il capo di Stato nigeriano Olusegun Obasanjo. Già oggi Abubakar potrebbe partire per la capitale sudanese dove dovrebbe incontrare le autorità di Khartoum, per discutere soprattutto della grave situazione umanitaria in Darfur, dove ci sono ? secondo l?Onu ? almeno un milione di sfollati, mentre circa 160.000 rifugiati hanno cercato riparo nel confinante Ciad, ormai incapace di assorbire il flusso incessante di sudanesi in fuga dalla guerra.
Per verificare questa grave situazione, oggi arriverà nella regione occidentale sudsnese anche il ministro degli Esteri francese Michel Barnier, con l’obiettivo di valutare le condizioni dei civili. La stessa Ue ha ribadito che prima di qualsiasi provvedimento; come sanzioni contro il governo di Khartoum; intende verificare “sul terreno” la situazione. In attesa che la delegazione diplomatica francese si rechi sul posto, dal fronte arriva ancora un no a nuovi colloqui di pace da parte di uno dei due movimenti armati insorti nel febbraio 2003 contro il governo del Sudan: il Movimento per la liberazione del Sudan (Sla-m) ha escluso un nuovo negoziato, ponendo invece come condizione di base il rispetto del primo ‘cessate-il-fuoco, firmato lo scorso 8 aprile dai ribelli e del governo, ma abbondantemente disatteso con scambi di accuse reciproche. Anche l’Onu torna in campo sul fronte diplomatico: la crisi in Darfur, insieme all’irrisolto conflitto in Costa d’Avorio sarà al centro di una serie di colloqui di pace del Segretario generale delle Nazioni Unite Kofi Annan ad Accra, in Ghana, con lo stesso presidente di turno dell’Ua, Obasanjo, e alcuni dei principali leader del continente.
Sul tavolo della discussione anche l’invio di una forza internazionale di pace, nella quale, secondo la Libia non dovrebbe esservi presenza militare straniera all’infuori dell’Unione Africana. Il ministro degli esteri di Tripoli, Abdulrahman Shalgam, ha usato parole critiche nei confronti dell’ “escalation nei discorsi americani e occidentali”; il Darfur ha ricordato – “si trova alla frontiera con noi”. Secondo l’agenzia libica;Jana, sembrerebbe che due emissari del presidente sudanese Omar el-Bashir siano stati inviati alla corte di Gheddafi per chiedergli la disponibilità a svolgere un ruolo di mediatore di pace

Top