Roma:”manco a li cani!”

Per l?ennesima volta ( la terza), ai lavoratori dei canili di Roma, non viene pagato lo stipendio. I lavoratori, peraltro precari, hanno comunque deciso di continuare a lavorare. Ma questo pomeriggio a partire dalle 16.00, di fronte al canile di Porta Portese, ci sarà un’iniziativa di protesta, organizzata dal comitatato autonomo dei precari dei canili di Roma-Usi-AIt
A cura di amismp “…nonostante non abbiamo più i soldi per pagare le bollette, per l?affitto, per la benzina, per fare la spesa, per vivere.
Nonostante tutto questo c?è chi abusa del nostro animalismo, non dandoci
risposte certe. Al direttivo dell?Associazione Volontari del canile di Porta
Portese ed al Comune di Roma facciamo una sola domanda: dove sono i nostri stipendi?”

Due canili comunali (Casa Luca e Porta Portese), vanno verso la chiusura
definitiva e non si sa con esattezza quale sarà il destino dei lavoratori e
delle lavoratrici. Inoltre a Porta Portese è stato istituito il turno unico
(dalle 7 alle 15), a Casa Luca è diminuito il personale, non si fanno nuove
assunzioni e di conseguenza il lavoro di chi ancora resiste è aumentato,
rischiando di influire a lungo termine sulla qualità del servizio, quindi sul
benessere dei cani. Il dubbio che può sorgere è: non pagare è un modo per
sfoltire un organico già insufficiente senza dover licenziare?

Top