Internet Sotto Stretta Sorveglianza

Il 22 giugno Reporters sans frontières (Rsf) ha attribuito il premio Cyberlibertà 2004 a Huang Qi, in carcere da quattro anni per aver osato criticare sul suo sito Internet il governo cinese.
In questa occasione l’organizzazione internazionale per la difesa della libertà di stampa ha presentato il suo rapporto “Internet sotto stretta sorveglianza” 2004. Ne abbiamo parlato con Stefano Citati, giornalista de La Repubblica e membro direttivo di Rsf-Italia.
A cura di amissg

La data dell’11 settembre segna il passaggio ad una fase di iper-controllo dell’informazione da parte delle autorità governative. Nel mirino soprattutto Internet, considerato luogo di prolificazione della rete terroristica mondiale. E nel Web si scatena una guerra virtuale tra la libertà di espressione e informazione e le censure istituzionali che nella lotta al terrorismo hanno trovato una scusa per porre ‘sotto stretta sorveglianza’ gli internauti.
E’ a rischio la libertà di informare e informarsi. Come denuncia Reporter Senza Frontiere nel suo rapporto sulla situazione della libertà di espressione sul Net in oltre 60 paesi.

Leggi il Rapporto di Reporter Sena Frontiere
Sotto Stretta Sorveglianza

Top