Spagna: il governo Zapatero rinuncia al progetto di deviazione dell’Ebro

Il Mininstro dell’Ambiente Cristina Narbona ha annunciato che è stato bloccato il piano di intervento, avviato dal precedente gabinetto, con cui si prevedeva di deviare 100 miliardi di litri all’anno dal fiume Ebro al Sud del paese.
A cura di amislc La decisione è stata presa per il forte impatto ambientale del progetto e i costi insostenibili. Al posto del previsto acquedotto, che si sarebbe dovuto estendere per 900 km, il Governo zapatero ha finanziato un progetto di 3.7 miliardi di euro per la costruzione di 15 impianti di desalinizzazione lungo le coste meridionali.
Secondo Mario Rodriguez di Greenpeace il nuovo progetto è sicuramente migliore di quello varato tre anni fa dal Governo Aznar, che prevedeva inoltre la costruzione di oltre 100 dighe sul fiume. Tuttavia la nuova soluzione, sempre secondo l’ecoattivista spagnolo, “non può essere considerata una panacea” visto che rimangono ancora alcune questioni insolute, come il problema dello smaltimento delle scorie saline risultanti dal processo.

Top