TURCHIA: PRIMA TRASMISSIONE IN LINGUA NON TURCA

ANKARA – Per la prima volta
nella storia della Repubblica turca, la radio e la Tv di Stato
hanno diffuso una trasmissione in una lingua diversa dal turco,
il bosniaco, aprendo la strada alla prima trasmissione in curdo
che avverra’ domani, mercoledi’ 9 giugno.
A cura di red La trasmissione realizza una
delle recenti riforme approvate dal Parlamento di Ankara al fine
di adeguare le norme turche ai criteri europei di Copenaghen
(posti dall’ Ue come condizione per l’inizio del negoziato di
adesione) e realizza una vecchia rivendicazione delle
organizzazioni nazionaliste curde, appoggiata dall’ Unione
europea.

Ieri mattina, su Radio 1 della Trt, e’ andato in onda un
programma di 35 minuti intitolato ”Ricchezze culturali”, in
cui sono state lette notizie di carattere nazionale ed
internazionale, sia politiche, sia culturali e sportive.
Lo stesso programma e’ stato ritrasmesso sempre in lingua
bosniaca, poche ore dopo, con immagini e sottotitoli, dal 3/o
programma della televisione di Stato ed e’ stato seguito da
musica bosniaca e documentari su localita’ turche in bosniaco.
Le Radio e Tv turche diffonderanno la trasmissione in
bosniaco ogni lunedi’, in arabo ogni martedi’, in kurmangi (il
principale dei due dialetti curdi parlati in Turchia), in
circasso il giovedi’ ed in zaza (l’altro dialetto curdo parlato
in Turchia, molto diverso dal kurmangi).

Top