Iraq: un governo “made in Cia”?

Ghazi Al-Yaouar è il nuovo presidente dell’Irak, Iyad Allaoui è il nuovo primo ministro. Lo sceicco Mohsen Al-Yaouar è capotribù dei Chammar (sciiti e sunniti) e nel 2003 è tornato in Irak da Londra, dove ha passato gli ultimi dodici anni, partendo al momento dell’invasione irachena del Kuwait. Dalla propria città natale Mossoul regna, su tre milioni di iracheni, ma anche su popolazioni residenti oltreconfine in Arabia Saudita, in Siria e in Kuwait. Dopo la caduta di Saddam, nella primavera 2003, il capo dei Chammar domanda al nipote Ghazi Al-Yaouar, che dirige un florida azienda di telecomunicazioni in Arabia Saudita e ha studiato ingegneria a Washington, di tornare anche lui in Patria. Ghazi all’epoca uno sconsciuto business man quarantaseienne ubbidisce e viene miracolosamente nominato nel Consiglio di Governo ad interim iracheno.

Leggi l’articolo completo di Tito Gandini

Ascolta il servizio
A cura di ra

Top