II rapporto di Sbilanciamoci!: cosa cambia in Italia?

Anche quest’anno, Sbilanciamoci! ha guardato nella scatola nera del Bilancio dello Stato, e ha fatto un?analisi critica delle scelte di politica economica. Le critiche e le proposte, come da cinque anni a questa parte, costituiranno la documentazione di una Finanziaria alternativa.
Ci presenta il rapporto il presidente di Lunaria, Giulio Marcon
A cura di amismp

I temi oggetto di ricerca ed elaborazione della campagna sono molti, durante il 2004 si sono approfonditi quelli inerenti a:
gli Indici di Sviluppo Alternativo: per rendere fruibile il concetto di indicatore alternativo di sviluppo, verrà realizzata una pubblicazione che affronterà questo tema a partire dalla classificazione delle regioni italiane basata sulla misurazione del loro sviluppo ambientale, sociale e dalla spesa pubblica realizzato grazie al QUARS (Qualità Regionale dello Sviluppo) un indice elaborato proprio da Sbilanciamoci!;

la Crisi dell’Aiuto Pubblico allo Sviluppo: le organizzazioni della campagna stanno preparando un rapporto sulle inefficienze, gli sprechi, le promesse non mantenute che hanno caratterizzato l’azione dello Stato italiano e del Ministero degli Esteri in questo campo negli ultimi anni;

la Tassazione e il suo ruolo Redistributivo e di Giustizia Sociale: un tema molto attuale, che sarà uno degli argomenti cardine dell’edizione del 2004 del forum “L’impresa di un’economia diversa”. Un forum di tre giorni che si terrà a Parma all’inizio di settembre – in coincidenza con l’incontro degli industriali a Cernobbio – per approfondire e mettere a confronto le diverse elaborazioni del mondo accademico, dell’associazionismo, dei movimenti, del sindacato, degli enti locali e avviare una riflessione forte sul modello economico italiano, che, a partire dal ruolo delle imprese e dalla funzione regolatrice dello Stato, porti alla costruzione di diversi paradigmi di relazioni economiche e sociali.

Nel 2003 il Forum si è svolto dal 5 al 7 settembre a Bagnoli, con la partecipazione di oltre 30 relatori e oltre 500 presenze nell’arco delle tre giornate.E sono state ben 18.000 – 10.000 cartacee e 8000 scaricate in versione elettronica dal sito www.sbilanciamoci.org – le copie del rapporto distribuite, insieme a 5000 cartoline e 1000 locandine della campagna. Anche la petizione online “CAMBIAMO FINANZIARIA”, indirizzata ai parlamentari, ha raccolto oltre 10.000 firme.

Continuerà inoltre il lavoro per consolidare il rapporto con i gruppi e le associazioni che, su tutto il territorio nazionale, hanno partecipato ai lavori della campagna nelle edizioni fin qui realizzate, e il lavoro di pressione sui parlamentari e sugli enti locali, attraverso specifiche iniziative di mobilitazione che verranno lanciate nel periodo di discussione della Legge Finanziaria.

Top