IRAQ: primo processo per abusi e torture

Si apre oggi a Baghdad il processo al primo dei militari americani incriminati per gli abusi commessi nel carcere iracheno di Abu Ghraib nei confronti dei detenuti iracheni.
A cura di amismp Sarà il caporale Jeremy Sivits il primo a comparire davanti alla corte marziale per rispondere delle accuse.
L’ex meccanico della Pennsylvania dovrebbe dichiararsi colpevole davanti alla corte: il caporale ha cooperato finora alle indagini e i capi d’imputazione nei suoi confronti sono più lievi di quelli degli altri militari finiti sotto inchiesta.

Il processo si svolgerà in un’aula improvvisata all’interno del quartier generale della coalizione a Baghdad, la “green zone”, dove sarà presente un limitato numero di giornalisti. Tra questi, i giornalisti di otto testate arabe, comprese al Jazeera e al Arabiya. L’accesso all’aula è stato invece vietato alle organizzazioni per la difesa dei diritti umani. Prima che inizi il processo a carico di Sivits, nell’aula sono comparsi altri tre militari finiti sotto inchiesta per la formalizzazione dei capi d’accusa. La loro incriminazione è stata rinviata al prossimo 21 giugno.
Sivits rischia un anno di carcere, la riduzione della paga a un terzo, e il congedo con disonore.

Top