Somalia: lotte tra sottoclan

Nella Somalia sud-occidentale, vicino al confine con Kenya ed Etiopia, migliaia gli sfollati somali hanno abbandonato le proprie case per sfuggire ai combattimenti tra sottoclan rivali in lotta per il controllo della cittadina di Bulahawa.
A cura di amismp Le violenze erano iniziate sabato scorso tra due gruppi appartenenti al clan Mareehan per disputarsi il controllo del centro abitato, a pochi chilometri dal confine tra i tre Paesi del Corno d?Africa.
Sembra che la reazione violenta di uno delle fazioni sia stata causa dalla nomina di un nuovo commissario di distretto da parte del Snf, non gradito ai rivali.
Sayyid Mahmud Adan, leader del ?Fronte nazionale somalo? (Snf), che controlla la zona, ha detto al network informativo dell?Onu ?Irin news? che ?tra 3.000 e 3.500 persone sono state messe in fuga dagli scontri?; secondo la stessa fonte vi sarebbero sette vittime e una dozzina di feriti.
Dal 1991 ? dopo la caduta del dittatore Siad Barre – la Somalia è un Paese senza Stato né istituzioni, mentre l?ennesima tornata dei colloqui di pace, in corso da mesi, non ha ancora sortito alcuna effettiva soluzione politica.

Top