Corea del nord: disastro treni cisterna

Una collisione alle ore 13 locali di ieri tra due treni nella stazione nordcoreana di Ryongchon, 50 chilometri a Sud del confine cinese, avrebbe causato un?esplosione dagli effetti devastanti con migliaia di vittime.
A cura di amismp Secondo la televisione coreana le vittime sarebbero state almeno tremila. Il ministero della Difesa sudcoreano non ha però fornito bilanci.Inutile invece cercare conferme sul sito ufficiali della Kcna, l?agenzia di notizie della Corea del Nord, che riferisce del viaggio di Kim Jong Il in Cina ma non una parole sul gravissimo incidente.

Il governo della Corea del Nord ha chiesto l’intervento della Croce Rossa che, a quasi 24 ore di distanza dalla sciagura ferroviaria, ha fornito un primo bilancio di 53 morti e 1.249 feriti. Si tratta della prima informazione ufficiale dopo ore di notizie frammentarie.  Secondo la Croce Rossa, il disastro è stato causato da treni cisterna carichi di esplosivo.
Secondo l’agenzia ufficiale cinese Xinhua, che cita fonti dell’ambasciata a Pyongyang, invece, la causa della tragedia.sarebbe stata una fuga di nitrato d’ammonio.

La sciagura  è accaduta in una stazione a una ventina di chilometri dal confine tra Cina e Nord-corea, a 50km circa da Pyongyang. Due treni-cisterna (uno che trasportava Gpl e l’altro benzina) si sono scontrati a Ryongchon e l’esplosione che ne è seguita ha investito un treno passeggeri in sosta e tutta l’area circostante.
La Croce Rossa parla di 6.350 case parzialmente distrutte e 12 gli edifici governativi rasi al suolo.

l’ipotesi della BBC.

Altre informazioni su RAinews24

Top