kurdistan: Inizia la fase di RojTv

Trasmettendo in tutti i dialetti kurdi, in turco, in arabo e in sorani partono le trasmissioni di Roj Tv,
la televisione dei kurdi, che ha iniziato oggi le sue trasmissioni. Dall’ Europa al Medioriente, e in tanti altri luoghi sarà possibile seguirne i programmi.
A cura di OzgurPolitica Il manager della società Mesopotamya broadcasting Menucer Tahsili Zanoozi, intestatario della licenza, sottolinea che con le trasmissioni di RojTv si potrà contribuire alla soluzione della questione kurda.
Perché avete avuto bisogno di creare RojTv?
Gli organismi dei media nascono in quanto necessità. Roj Tv, Mezopotamiya Tv, gli altri canali Tv e i giornali nascono perché ce n’ è bisogno. La società Mezopotamiya broadcasting è stata creata nel 98 e nel 99 abbiamo ottenuto la licenza da parte del Ministero della cultura della Danimarca a nome della Mezopotamiya Tv. Questa rete trasmette su tematiche come la cultura, l’ arte, la filosofia, la storia, la letteratura, la musica, la politica e simili. Lo scorso anno abbiamo chiesto la licenza per trasmettere con Roj Tv. L’ obiettivo delle trasmissioni di Roj Tv è di essere al servizio della soluzione della questione kurda in modo pacifico. Questa era stata anche una della motivazioni presentate chiedendo la licenza, che abbiamo poi ottenuto a dicembre. Volevamo iniziare con il primo gennaio, dopo aver ottenuto l’autorizzazione, infatti, abbiamo avviato le nostre attività e i programmi sono potuti iniziare il primo marzo. Non è una coincidenza che Roj Tv sia stata creata proprio quando MedyaTv è stata chiusa, è servita anche a coprire questa mancanza ed essere una risposta alle necessità del momento. Le nostre trasmissioni non saranno solo in kurdo, RojTv sarà la voce per contribuire a realizzare democrazia e pace, per proteggere la cultura della Mesopotamia e portare la democrazia in Medioriente.

Chi sono i popoli a cui principalmente RojTv si indirizza?
Soprattutto riteniamo che sia quello kurdo, perciò si trasmetterà anche in kurdo. La storia kurda non ha dieci o quindici anni, non è una storia recente, è una storia molto antica. Se si guardasse alle civiltà della Mesopotamia, si capirebbe che le genti di quei luoghi hanno da sempre vissuto in condivisione. Possiamo prendere i kurdi in Medioriente come simbolo dell’ unità delle culture. Se un giorno potranno ottenere la propria libertà allora anche gli altri popoli del Medioriente la otterranno. Noi proteggiamo anche le altre lingue e culture del Medioriente, riconosceremo vicino ai kurdi anche un posto per gli arabi, i siriani, i turchi e gli azeri, in base alle nostre possibilità.

Roj Tv ha degli studi televisivi propri?
La nostra compagnia non ce li ha, però abbiamo delle convenzioni con altre società di produzione tv, che proseguiranno. Da Svezia e Germania, dove queste compagnie hanno sede, arrivano i programmi. Inoltre, c’ è RojNV e pensiamo di prendere in futuro anche da loro dei programmi, visto che ha proprio i programmi di cui abbiamo bisogno e la capacità di realizzarli.
Ormai le persone che lavorano con noi sono dei professionisti, con più di nove anni di esperienza. Io stesso mi aspetto che su Roj Tv vengano trasmessi programmi a livello professionale.

Top