Il Super Tuesday conferma Kerry come sfidante di Bush

L’ex senatore del Massachussets John Kerry è il prossimo candidato Democratico alle presidenziali USA. Il verdetto è divenuto definitivo dopo le nove vittorie su dieci nelle primarie di dieci stati in cui si eleggono più del 50% dei delegati che nomineranno il candidato durante la convention del partito, dal 26 al 29 Luglio a Boston.
A cura di amislc L’unica sconfitta di Kerry è arrivata nel Vermont, dove la preferenza degli elettori è andata ad Howard Dean, che già si era ritirato dalla corsa alla candidatura. Entro oggi dovrebbe arrivare la rinuncia definitiva anche di John Edwards, rimasto l’unico contendente di Kerry.
Edwards avrebbe anche smentito di essere interessato a correre come vice di Kerry, che aveva suggerito l’ipotesi nel suo dicorso celebrativo a Washington.
Nello stesso discorso Kerry ha duramente attaccato la politica estera di Bush, definendola “la più inetta, avventata, arrogante e ideologica” della storia degli USA.
Bush ha affidato la sua replica al fido Cheney, confermato come vice anche nella prossima campagna, che in TV ha accusato Kerry di voler ridurre le spese militari, di intelligence e sugli armamenti.

Top