Usa: si è dimesso Richard Perle

Richard Perle, un consigliere del Pentagono noto per essere un falco in politica estera, specie sull’Iraq, si è dimesso dal Defense Policy Board, l’organo che assiste il segretario alla difesa nelle scelte politiche strategiche.
A cura di reporterassociati Perle, che fu sottosegretario alla difesa durante la presidenza di Ronald Reagan e che era da 17 anni membro del Defense Policy Board, fa riferimento, nella lettera di dimissioni, alla recente pubblicazione di un suo libro che «sollecita riforme di largo respiro dei dipartimenti dell’Amministrazione responsabili della lotta contro il terrorismo».

«Molte delle idee espresse nel libro – scrive Perle – sono controverse e desidero essere libero di difenderle senza che quel che dico diventi un tema della campagna». Nella sua lettera, Perle difende il ruolo del Defense Policy Board, che ritiene sia «misconosciuto dal pubblico» e che «non è un luogo di decisione, ma un luogo di discussione».

Quasi un anno fa, Perle era stato oggetto di polemiche perché aveva contatti d’affari con il Pentagono mentre era presidente del Board. A marzo, s’era dunque dimesso dalla presidenza, pur continuando a fare parte del Board. Nell’autunno scorso, l’ispettore generale del Pentagono aveva concluso che Perle non ha violato nessuna regola etica mentre era presidente del Board.

Top