Sri Lanka: verso elezioni anticipate

Lo scorso sabato la Presidente dello Sri Lanka, Chandrika Kumaratunga, ha sciolto le camere e indetto elezioni anticipate ad Aprile, con quattro anni di anticipo sulla scadenza naturale dell’attuale mandato.
A cura di amislc La mossa politica della Presidente ha scontentato tutti i soggetti del panorama di crisi che attraversa lo Sri Lanka. Il governo in carica ha stigmatizzato il provvedimento forte della maggioranza di cui ancora godeva in parlamento, e mettendo in dubbio tramite il proprio portavoce la stessa credibilità politica della Presidente Kumaratunga.
Anche le Tigri Tamil, i guerriglieri impegnati in una lotta di liberazione che negli ultimi anni avevano abbracciato l’idea autonomista, hanno fatto sapere che, di fronte ad uno sconvolgimento del sistema politico, nulla esclude il loro ritorno a posizioni indipendentiste.
A questo punto si attende il responso delle urne, con le elezioni fissate per il 2 Aprile. Ma nulla è scontato. La conferma del partito attualmente al governo inasprirebbe la crisi istituzionale tra Presidente e Primo Ministro, mentre un successo della Presidente Kumaratunga, recentemente alleatasi con il partito della sinistra rivoluzionaria contrario a qualsiasi devoluzione su base etnica, porrebbe in seria difficoltà il processo di pace con le Tigri.

Top