Medio Oriente: l’esercito israeliano chiude Budrus

Il 7 Gennaio la Forza di Occupazione Israeliana (IOF) ha dichiarato zona militare, e quindi off-limits, l’intero paesino di Budrus, nella zona occidentale di Ramallah.
L’inedito provvedimento è arrivato dopo che una manifestazione di circa 400 persone ha sfilato per le vie del paese, dove da diverse settimane si tenta di resistere in maniera non violenta alla costruzione del muro dell’Apartheid voluto da Sharon e dal suo Governo.
A cura di amislc Sia le attività di resistenza non violenta che la manifestazione hanno visto la partecipazione di diversi gruppi organizzati, con attivisti palestinesi, israeliani e internazionali: The International Womens Peace Service (IWPS), International Solidarity Movement (ISM), Israeli Anarchists against the Wall ed altri gruppi di attivisti israeliani.
Gli attivisti internazionali hanno rifiutato l’ordine di lasciare il paese ed hanno manifestato l’intenzione di restare per testimoniare l’inaudita opera di furto e distruzione territoriale che lo IOF sta portando avanti anche attraverso arresti sommari e sfratti immotivati.

Top