Costa d’Avorio: il corrispondente di Radio France Internationale ucciso da un poliziotto

Jean Hélène, corrispondente di RFI – Radio France Internationale, e’ stato ucciso la sera del 21 ottobre con un colpo di pistola di fronte alla sede della polizia nazionale ad Abidjan. Il presunto colpevole interrogato tutta la notte.
A cura di amisfd Hélène si trovava all’interno della sua auto, parcheggiata di fronte all’edificio, in attesa di intervistare undici militanti dell?opposizione, arrestati nei giorni scorsi per un presunto complotto e che avrebbero dovuti essere rimessi in libertà dalle forze di sicurezza. Il presunto autore dell’omicidio è stato interrogato per tutta la notte e si trova attualmente agli arresti. Il presidente francese Jacques Chirac ha chiesto ieri alle autorità ivoriane di ”fare piena luce su questo assassinio”. .

Gia’ un corrispondente di RFI era stato costretto a lasciare il paese a seguito delle minacce ricevute. Dal settembre 2002 e l’inizio della guerra, la situazione in Costa d’Avorio si e’ uteriormente degradata. I media francesi, RFI in testa, sono accusati di fare il gioco dei ribelli. I canali pubblici ivoriani, e quelli privati vicini al presidente Laurent Gbagbo, hanno accusato piu’ volte i giornalisti stranieri accusandoli di essere complici della ribellione.

Top