UE: VIA LIBERA DIRETTIVA SU CAMPI ELETTROMAGNETICI

I ministri dell’occupazione e
degli affari sociali dell’Ue hanno dato ieri il via libera alla
direttiva che regola l’esposizione dei lavoratori ai campi e
alle onde elettromagnetiche.
La normativa impone ai datori di lavoro di effettuare
valutazioni dei rischi per i dipendenti derivanti dai campi
elettromagnetici, ed in particolare antenne per le emissioni
radio-televisive, antenne di telefoni cellulari e installazioni
radar.
A cura di ansa La direttiva stabilisce i livelli massimi di esposizione e
quelli a partire dai quali i datori di lavoro devono prendere
misure preventive. A seconda del risultato della valutazione dei
rischi, essi possono essere obbligati a presentare un piano
delle misure tecniche ed organizzative prese per ridurre i
livelli e proteggere i lavoratori.
La Commissione europea ha accolto con soddisfazione l’accordo
raggiunto dai ministri dell’Ue, sottolineando che ”i dati
scientifici mostrano che l’eccessiva esposizione ai campi
elettromagnetici puo’ avere serie conseguenze sulla salute dei
lavoratori” e che la direttiva fornisce invece le necessarie
forme di prevenzione e di sicurezza.
Le nuove misure di prevenzione e sicurezza si applicheranno a
settori quali l’industria pesante metallurgica e siderurgica, ma
anche a dipendenti che lavorino per molti anni accanto a
installazioni per le trasmissioni radio-televisive, impianti per
la trasmissione di segnale di telefoni cellulari, ed anche alle
cassiere che lavorino per molto tempo accanto ai sistemi
d’allarme anti-furto usati nei negozi.

Top